Accesso Area Soci

User On-Line

Abbiamo 129 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti Registrati

  • IW7CRP
  • IZ7DOW
  • IZ6OUF
  • IK7TDT
  • IZ7YPK
  • IZ7UJZ
  • IU0FOH
  • IU7IGU

Contatore Visite

012303
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Settimana Scorsa
Questo mese
Mese Scorso
Tutti i Giorni
67
68
219
11768
590
1434
12303

Il tuo IP: 3.81.29.254
12-12-2019 19:28

Negli ultimi decenni abbiamo assistito all' evoluzione della tecnologia delle comunicazioni ed in particolare a quella di un dispositivo che sembra ormai essere diventato strumento indispensabile: il Telefono Cellulare. Per alcuni questa affermazione suscita preoccupazioni, per altri, invece, l' avanzare della tecnologia sembra essere un vantaggio per l' umanità.

Nell' anno 2013 i fratelli Durov fondano "Telegram", un servizio di messaggistica istantanea basata su cloud.  I client ufficiali di Telegram sono distribuiti come software libero per Android, GNU/Linux, iOS, MacOS, Windows NT e Windows Phone.

Tra le caratteristiche di Telegram si distinguono la possibilità di stabilire conversazioni tra due o più utenti, effettuare chiamate vocali cifrate "punto-punto", scambiare messaggi vocali, videomessaggi, fotografie, video, stickers e file di qualsiasi tipo grandi fino a 1,5 GB oltre che effettuare conversazioni cifrate punto-punto tra due utenti (non in chat di gruppo) sulla maggior parte dei client.

Ma vediamo in maniera semplice quali sono le caratteristiche di Telegram e come funziona (Tratto da Wikipedia):

 

- I messaggi

I messaggi inviati sono salvati sul cloud di Telegram, così da garantire la sincronizzazione istantanea. Il risultato consente all'utente di poter accedere ai messaggi da diversi dispositivi contemporaneamente, inclusi tablet e computer. Quando si registra, l'utente può scegliere se permettere ad altri di cercare l'utente inserendo il nickname scelto durante la registrazione preceduto da @ nella barra di ricerca. Questa funzione facoltativa consente ad altri di cercare l'utente su Telegram senza conoscere necessariamente il suo numero di telefono.

Dalla versione 3.9, i messaggi inviati si possono modificare fino a due giorni dall'invio.

 

- Le chat

Le chat sono di due tipi:

  • Chat cloud (classiche): la chat utilizza una cifratura client-server, ovvero è cifrata dal dispositivo fino ai server di Telegram e viceversa. Quindi la conversazione dovrebbe restare salvata in maniera cifrata sui server di Telegram per poter essere sincronizzata fra più dispositivi (es. smartphone, tablet, PC). La chat classica permette l'invio di messaggi di testo, messaggi vocali, videomessaggi, posizione GPS attuale, coordinate GPS sulla mappa, contatti e qualsiasi tipo di file di dimensione massima di 1,5 GB.
  • Chat segrete: la chat utilizza una cifratura end-to-end (o detta punto-punto), ossia è cifrata fra i due dispositivi coinvolti nella conversazione. Di conseguenza la conversazione non rimane salvata sui server di Telegram. Se da un lato queste conversazioni sono notevolmente più sicure dal punto di vista della privacy, da un lato occorre sapere che di conseguenza la chat non può essere sincronizzata fra più dispositivi ma si può visualizzare solo dal dispositivo dal quale è stata avviata. Le chat segrete utilizzano lo scambio di chiavi Diffie-Hellman e permettono di impostare un "timer di autodistruzione", ossia un determinato intervallo di tempo trascorso il quale un messaggio, dopo che è stato visualizzato dal destinatario, viene cancellato. Le chat segrete attualmente non funzionano sulla versione Web e su Telegram Desktop, mentre sono fruibili sui client mobile, vari client alternativi e su Telegram per Mac.

 

- Gruppi e Supergruppi

I gruppi possono contenere fino a 200 membri e solo gli admin possono aggiungere utenti o bot (è comunque possibile far sì che tutti i membri siano admin), modificare la foto e il nome del gruppo. I supergruppi hanno una capienza di 100 000 persone. Ogni gruppo può essere convertito a supergruppo in ogni momento, viceversa non è permesso il contrario. Di default nei supergruppi i nuovi membri possono vedere tutta la cronologia dei messaggi, a meno che non venga nascosta dalle impostazioni, la stessa è condivisa per tutti gli utenti, di conseguenza i messaggi cancellati dall'utente stesso o da un admin scompaiono anche per tutti gli altri (gli admin possono eliminare tutti i messaggi, gli utenti solo i propri, i messaggi eliminati e modificati sono accessibili per due giorni dagli admin nel registro delle "Azioni recenti"). Come in tutte le chat, è possibile modificare i propri messaggi entro 48h dall'invio, mentre gli admin con il permesso di fissare messaggi possono modificarli per sempre. Di default è impostata la modalità "mute" e di conseguenza i messaggi non mandano notifiche, ed esclusione di quelle inviate agli utenti che vengono taggati, che ricevono una risposta ad un proprio messaggio o i messaggi fissati. La lista degli utenti è ordinata per l'ultima attività piuttosto che per l'ultimo accesso.

 

- Canali

I Canali, nati a settembre 2015, sono chat in cui chiunque sia amministratore può inviare messaggi ai membri del canale, anche se questi ultimi non possono rispondere né commentare. Un canale può contenere un numero illimitato di iscritti e può essere pubblico o privato; al canale pubblico si può associare un indirizzo link e un username, ricercabile dalla funzione di ricerca dell'app, mentre per quello privato viene generato un link con 22 caratteri alfanumerici casuali.

Dopo l'aggiornamento di luglio 2017 gli amministratori hanno accesso a singole funzioni abilitabili e disabilitabili singolarmente come l'invio, la modifica e la cancellazione dei messaggi, la modifica della descrizione del canale o l'aggiunta di nuovi utenti/amministratori.

 

- BOT

Da giugno 2015 Telegram ha introdotto una piattaforma per permettere, a sviluppatori terzi, di creare i Bot. I Bot sono degli account Telegram, gestiti da un programma, che offrono molteplici funzionalità con risposte immediate e completamente automatizzate.

Dal 4 gennaio 2016 è disponibile una nuova modalità inline per i bot, che permette di utilizzare un bot semplicemente citandolo con il proprio username in qualsiasi chat (chat cloud, canali e gruppi).

I bot inline ufficiali sono i seguenti:

  • @gif – Per cercare e mandare GIF;
  • @vid – Per condividere video da YouTube;
  • @bing – Per condividere immagini con Bing;
  • @pic – Per condividere immagini con Yandex;
  • @wiki – Per condividere voci di Wikipedia in tutte le lingue;
  • @Imdb – Per condividere informazioni sui film;
  • @bold – Per formattare del testo.

In seguito sono stati introdotti altri inline bot, @youtube, @music, @foursquare, @sticker, @gamee e @gamebot.

Per creare e gestire i propri bot è stato creato Botfather (@BotFather).

 

- Sticker

Gli Sticker (o adesivi) sono immagini ad alta definizione salvate sul Cloud. Hanno lo scopo di rendere più espressive e convincenti le emoji e i messaggi. Gli Sticker sono raggruppati nei set, chiamati "Sticker Pack" che si possono aggiungere alla propria libreria tramite un link oppure cliccando sopra uno sticker mandato da un altro utente e successivamente cliccando "Aggiungi Sticker". Ogni set può contenere al massimo 120 Sticker. Telegram offre un pacchetto di Sticker preinstallato, con la possibilità per gli utenti di crearne altri tramite il bot ufficiale @Stickers.

 

- Chiamate

Il 30 marzo 2017 Telegram ha annunciato l'introduzione delle chiamate vocali cifrate punto-punto, promettendo un'elevata qualità. Il supporto venne inizialmente dato per i sistemi Android ed iOS.

 

Conclusioni

L' evoluzione tecnologica, naturalmente, non si limita solo a questo ambiente ma anche a quello radioamatoriale; negli ultimi anni, infatti, abbiamo notato che sui nostri apparati radio domina la nuova tecnologia digitale che induce noi Radioamatori a utilizzare nuove risorse, nuovi strumenti, nuovi "giocattoli".

L' invito a scegliere Telegram è giustificato dal fatto che non solo lo si utilizza per tenerci in contatto con la comoda messaggistica istantanea dandoci così possibilità di creare il nostro gruppo o il nostro canale, ma soprattutto per sfruttare le sue copacità di interagire con la nuova tecnologia digitale radioamatoriale (e di questo ne parleremo in un altro articolo) con questo fantastico strumento possiamo interfacciare i nostri sistemi digitali, comunicare direttamente con il nostro ponte ripetitore e condividere informazioni.

 

 

73 de IZ7JWR Enrico.