Accesso Area Soci

User On-Line

Abbiamo 31 visitatori e nessun utente online

Ultimi Utenti Registrati

  • IW7CRP
  • IZ7DOW
  • IZ6OUF
  • IK7TDT
  • IZ7YPK
  • IZ7UJZ
  • IU0FOH
  • IU7IGU

Contatore Visite

011038
Oggi
Ieri
Questa Settimana
Settimana Scorsa
Questo mese
Mese Scorso
Tutti i Giorni
29
79
328
10386
759
1165
11038

Il tuo IP: 3.234.210.89
17-11-2019 05:43

Quante volte abbiamo sentito parlare di EPROM.. figlia più famosa della PROM acronimo di "Programmable Read Only Memory" ovvero, memoria di sola lettura programmabile una sola volta, ciò vale a dire che una volta programmata non poteva più essere modificata.

Solo nel 1971 venne inventata la EPROM da Dov Frohman, ingegnere israeliano che abbandonò la Farchild Semiconductor per unirsi ai suoi colleghi, anch' essi fuoriusciti dalla stessa azienda, per fondare la società INTEL.

La EPROM di Frohman, "Erasable Programmable Read Only Memory", memoria di sola lettura programmabile e cancellabile per un numero limitato di volte, fu un' evoluzione formidabile. La cancellazione avveniva mediante l' irradiazione ultravioletta attraveso una "finestra" trasparente posizionata sul suo package.

Anche le EPROM, ormai, sono diventate obsolete e sostitute dalle memorie flash o EEPROM, ovvero "Electrically Erasable Programmable Read-Only Memory" che possono essere cancellate elettricamente senza dover ricorrere ai raggi UV. Nel 1978, infatti, George Perlegos sviluppò l' INTEL 2816 basandosi sulla tecnologia di Frohman al fine di ovviare al problema della cancellazione di dati.